Guido di Pietro detto Fra’ Angelico

Il Cristo deriso di Fra’ Angelico (risalente alla fine degli anni 30 del ‘400) si trova nella cella 7 del dormitorio del convento di San Marco (corridoio Est, lato esterno), e fa parte di quel ristretto numero di opere la cui attribuzione diretta al maestro è assolutamente indiscussa.
L’Angelico trasforma in puri simboli gli episodi delle percosse e degli sputi diretti ad un Cristo intangibile che si avvia al martirio. Derisione è la rozza panca che funge da trono, la canna nella mano destra e il sasso tondo nella sinistra, la corona di spine sul capo, la veste bianca da folle, il volto bendato, percosso, bastonato, sputato. Una visione che avrebbe affascinato tantissimo Sergei Parajanov.

 

Immagine

Immagine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...