Riletture longhiane: Caravaggio

Rileggere il “Caravaggio” di Longhi a più di mezzo secolo dalla sua pubblicazione significa addentrarsi in una coerentissima genealogia dell’arte moderna e, contemporaneamente, fare i conti con una storia dell’arte che riesce a farsi anche straordinaria letteratura. Dei saggi di Roberto Longhi resta la testimonianza di uno sconfinamento letterario che non cede sul fronte della correttezza scientifica. Sintomatico il fatto che molte biblioteche, forse depistate dall’introduzione di Emilio Cecchi, catalogano negli scaffali della letteratura italiana contemporanea un’opera che, ad opinione di chi scrive, fa parte a pieno titolo della saggistica d’arte.

Sovraccoperta rigida de "I Meridiani" del 1973, ed. Mondadori. a seguire: I ritratti di Longhi del 1974 realizzati in novembre a Chia.

Sovraccoperta rigida de “I Meridiani” del 1973, ed. Mondadori. a seguire: I ritratti di Longhi del 1974 realizzati da Pasolini in novembre a Chia.

L’edizione consultata per questa breve recensione fa parte della collana “I Meridiani” Mondadori e si tratta della raccolta più completa di scritti longhiani, edita nel 1973, curata da Gianfranco Contini e intitolata “Da Cimabue a Morandi”. Nonostante l’importanza dell’operazione editoriale, per il pregiudizio letterario di cui sopra, si fa sentire l’assenza di apparati iconografici. Pier Paolo Pasolini, intellettuale che non disdegnava interessi storico artistici, salutò la pubblicazione come evento editoriale dell’anno e ne acquistò una copia; dalla foto di sopraccoperta trasse diversi bozzetti, quasi caricature, del noto critico piemontese.

Tornando al singolo saggio su Michelangelo Merisi, esso fu dato alle stampe nel 1951, ed è una “guida” alla celebre mostra da lui curata “Caravaggio e i caravaggeschi”. Il saggio di Longhi apre con la rammaricata constatazione di quanto l’erudizione seicentesca e la storiografia ottocentesca abbia calcato la mano sulla figura del Caravaggio quale outsider plebeo, “lercio e irregolare” autore di pittura all’epoca denigrata a mero naturalismo.

Quello che ci interessa sottolineare in questa sede è la brillante ricostruzione di Longhi della “preistoria personale” dell’artista Caravaggio. Proprio negli anni in cui il Caravaggio era a bottega da Simone Peterzano, i fratelli Campi, Bernardino Gatti e Giovanni Ambrogio Figino furono i capeggiatori di “una breve sommossa di sapore naturalistico” che lasciò non poche tracce nella cultura visiva del giovanissimo Michelangelo Merisi. Riguardare oggi, col senno di poi, quelle opere, significa reinnescare la sensazione di stare al cospetto di “brutte copie di una Caravaggio mancato, per essere rimasto sempre in provincia”. Riportiamo qui alcuni esempi di questi raffronti, i più eclatanti, e vi invitiamo alla lettura diretta del saggio longhiano.

Schermata 03-2457106 alle 00.12.47

Calisto Piazza da Lodi, Concerto, 1520, Philadelphia Museum of Art e lo stesso soggetto di Caravaggio al Metropolitan Museum di New York

Schermata 03-2457105 alle 18.44.05

Callisto Piazza Da Lodi, Crocefissione presso la Chiesa dell’Incoronata di Lodi e la Crocefissione di San Paolo presso la Cappella Cerasi in Santa Maria del Popolo a Roma.

Caduta e conversione di san Paolo, 1540-1541 di Alessandro Bonvicino detto il Moretto per il santuario di Santa Maria dei Miracoli presso San Celso a Milano e La conversiona di San Paolo del Caravaggio nella Cappella Cerasi in Santa Maria del Popolo a Roma.

Caduta e conversione di san Paolo, 1540-1541 di Alessandro Bonvicino detto il Moretto per il santuario di Santa Maria dei Miracoli presso San Celso a Milano. Raffronto con la Conversione di San Paolo del Caravaggio nella Cappella Cerasi in Santa Maria del Popolo a Roma.

Giovanni Ambrogio Figino, San Matteo e l'angelo del 1586 nella Chiesa di S. Raffaele Arcangelo a Milano e il San Matteo di Caravaggio a San Luigi dei Francesi a Roma.

Giovanni Ambrogio Figino, San Matteo e l’angelo del 1586 nella Chiesa di S. Raffaele Arcangelo a Milano e la prima versione del San Matteo di Caravaggio perduto a Berlino nel 1945.

Annunci

2 pensieri su “Riletture longhiane: Caravaggio

  1. Pingback: La Roma di Scipione | Accademia degli Incerti

  2. Pingback: La Roma di Scipione | Accademia degli Incerti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...